L’avvocato Piero Amara fu piuttosto chiaro e sintetico: “Compare, game over”. E il suo sodale, Giuseppe Calafiore, capì all’istante: stavano per arrestarli. C’era una talpa nella Guardia di Finanza che avvertiva gli indagati in tempo reale. E in questo modo danneggiava le indagini che, invece, proprio i finanzieri stavano portando avanti efficacemente da anni. E […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Eni, l’avvocato Amara: “Così ho scritto il fascicolo d’indagine del pm sul falso complotto per far cadere Descalzi”

prev
Articolo Successivo

Eni, tangenti in Nigeria e le manovre contro Zingales: i fili portano al vertice dell’azienda

next