Lo sciopero è stato totale. Dopo i due incidenti e i 16 braccianti morti nel Foggiano tra sabato e lunedì, nessuno dei migranti che abitano al “Ghetto” di Rignano Garganico ieri mattina ha raccolto i pomodori nei campi. Un successo, sostiene l’Unione sindacale di base (Usb) che ha organizzato la prima delle due manifestazioni di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Italiani popolo di migranti”. Moavero scatena i sovranisti

prev
Articolo Successivo

Periferie, il governo smonta il Bando Renzi: “Solo mance”

next