I governi cambiano, la situazione umanitaria in Libia e nel Mediterraneo no. Dopo le accuse già rivolte lo scorso dicembre all’Europa e all’Italia di “complicità” nelle torture e negli abusi sui migranti da parte delle autorità libiche, Amnesty International torna a denunciare le responsabilità europee sia per quanto riguarda le condizioni nelle carceri libiche, che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Ulivi, vigne e alberi da frutta. Il caporalato è anche a Nord

prev
Articolo Successivo

“Mai più schiavi”. I “berretti rossi” in marcia

next