“Sono un povero disgraziato”. Vincenzo Scarantino fu indotto a mentire sulla strage di via D’Amelio: uno dei più gravi casi di depistaggi nella storia giudiziaria italiana che rende necessario “interrogarsi sulle finalità perseguite dai soggetti, inseriti negli apparati dello Stato, che si resero protagonisti di questo disegno criminoso”. Lo scrivono i giudici della Corte d’Assise […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Sbirciata al décolleté e selfie in chiesa: Casta a nozze (trash)

prev
Articolo Successivo

Il “modello” Marchionne e quelle accuse di invidia

next