Ieri il Mibac festeggiava l’assunzione di 247 professionisti, tra architetti, archivisti, archeologi e storici dell’arte, frutto di un concorso bandito ai tempi del ministro Dario Franceschini. Eppure c’è un nuovo arrivo che, negli uffici di via del Collegio Romano, minaccia di rovinare il rientro dalle vacanze di dirigenti e funzionari: Giovanni Panebianco, neo segretario generale […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

L’ultima guerra di Ugo: “Ci sarà un giudice pro vitalizi a Berlino?”

prev
Articolo Successivo

La forza Matematica del Classico

next