Mafiosi e spioni deviati. I primi: esecutori e mandanti, i secondi: suggeritori, interessati a tal punto da diventare loro stessi mandanti. Questo il quadro nel quale sarebbe maturato l’omicidio di Umberto Mormile, educatore penitenziario nel carcere di Opera a Milano. A sostenerlo il fratello Stefano che due giorni fa, con il supporto dell’avvocato Fabio Repici, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Buoni pasto “Qui! Group”, il problema resta

prev
Articolo Successivo

Mail box

next