Da un renzianissimo manager del Nord appariscente e interventista a un vetero democristiano ciociaro abile nelle pubbliche relazioni, benvisto dal Vaticano e con il pallino dell’immobiliare. È il percorso imboccato dalle Ferrovie dello Stato nell’era del governo gialloverde. Il ministro dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha pescato tra le seconde file Fs il successore di Renato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Scontro fra Di Maio e Mittal. Ilva, soluzione più lontana

prev
Articolo Successivo

Olimpiadi: Milano e Cortina ci sono, Torino non ancora

next