Il canto anarchico “Inno della rivolta” è del 1894 e nella sua prima strofa recita: “Nel fosco fin del secolo morente / sull’orizzonte cupo e desolato / già spunta l’alba minacciosamente / del dì fatato”. Per Philippe Daverio, critico d’arte, docente, saggista (nonché noto personaggio tv), quelle note anarchiche rappresentano la colonna sonora del “Quarto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

I 150 di Pellizza: a Volpedo quel quadro diventa realtà

prev
Articolo Successivo

Dalle olgettine ai Salvini “B. non ha imparato niente, si fa usare e poi buttare via”

next