“La sentenza Trattativa deve costituire la base di partenza per le altre Procure impegnate a chiarire i misteri delle stragi del 1992 e 1993”. Lo dice il capo del pool Trattativa, il procuratore aggiunto della Direzione distrettuale antimafia di Palermo, Vittorio Teresi. Anche se subito precisa: “Ovviamente sono valutazioni rimesse alle Procure competenti. Non mi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

fatto a mano di nat

prev
Articolo Successivo

Trattativa Stato-mafia: “ricordi tardivi” e “smemoratezza”, quei testimoni poco eccellenti. Da Violante a Conso e Mannino

next