“Non c’è stato nessun accordo collusivo tra la parte imprenditoriale e quella politica. Sono stati forzati i dati della realtà per farli entrare nello schema dell’impianto accusatorio. E rivendico con orgoglio il lavoro svolto”. Alla 55esima e forse penultima udienza del processo Crescent, Vincenzo De Luca apre un fronte contro la Procura di Salerno che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Cinisello Balsamo, delitti e corpi nel cemento: la faida messicana in Brianza

prev
Articolo Successivo

Corruzione al Consiglio di Stato: chiusa l’indagine

next