Da quando sono partite le indagini sul presunto clan dei Casamonica, c’è uno scoglio che gli investigatori non riescono a valicare. Ed è dare un volto, nome e cognome a coloro che hanno chiesto denaro alla famiglia sinti, trasformandosi in vittime di usura. Nessuno ha denunciato ma finora le situazioni accertate dai carabinieri di Frascati […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La jihadista ragazzina: dalla scuola americana al viaggio nel Califfato

prev
Articolo Successivo

La funzionaria e la nomina di Marra: “Fu corretta, ma ora regole più chiare”

next