Tempo scaduto per Google, che non ha saputo difendersi dalle accuse della Ue sul sistema operativo Android, ritenuto un mezzo per consolidare e mantenere la sua già indiscussa posizione dominante. Salvo sorprese, oggi la Commissione europea stangherà di nuovo il colosso Usa, stavolta con una maxi-multa che andrà ben oltre quella da 2,4 miliardi di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Libero scambio, firmato l’accordo col Giappone

prev
Articolo Successivo

Scuola, chieste 57 mila assunzioni. I sindacati: “Non bastano”

next