Sei milioni di euro di Cosa Nostra investiti nei bar delle arancine, in rivendite di tabacchi, in locali e immobili in affitto: c’è un pezzo di economia criminale sommersa che ripulisce il denaro sporco tra le vie e le piazze della cosiddetta ‘’Palermo bene’’ nell’operazione ‘Delirio’ della Guardia di Finanza che ieri ha condotto in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Spari contro la casa di un giornalista, tre colpi entrano nella stanza dei figli

prev
Articolo Successivo

Tre anni per falsa testimonianza a uno dei testi del caso Manca. Ingroia: “Il giudice non archivi”

next