“Quinto Scevola pose il massimo zelo nel correggere con la propria virtù la meschinità del desiderio. Mandato come governatore in Asia, scelse come consigliere il migliore dei suoi amici, Q. Rutilio, e lo portava con sé quando prendeva una decisione e dava gli ordini e amministrava la giustizia. E voleva che ogni spesa sostenuta per […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La grande avventura misteriosa di Elena Improta

prev
Articolo Successivo

Manolita e io in viaggio alle Piramidi

next