In attesa della pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale che ne stabilirà l’entrata in vigore, il decreto Dignità approvato il 2 luglio dal Consiglio dei ministri continua a cambiare, anche per l’attento monitoraggio esercitato dal Quirinale di Sergio Mattarella che ha seguito la stesura del provvedimento punto per punto prima di firmare, ieri sera, il testo definitivo. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Innsbruck contro un muro: ancora una volta l’accordo è solo a parole

prev
Articolo Successivo

Savona: “La Ue si salva solo con la democrazia”

next