Un altro naufragio al largo della Libia, stavolta davanti a Zuara e alle coste occidentali, dimostra che Tripoli è ancora in difficoltà nel controllo delle acque in cui partono gommoni e altre carrette del mare carichi di migranti che prima potevano contare sulle navi delle Ong. Nell’immensa area Sar (Search ad rescue, ricerca e soccorso) […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Così l’Italia utilizzerà l’accordo Ue: soldi, Ong e aiuti in Africa

prev
Articolo Successivo

Salvini celebra se stesso: “Governeremo per 30 anni”

next