Il nuovo calcio totale, la potenza teutonica, la retorica della nazionale multietnica che vince grazie a giovani, integrazione e stadi pieni: tutto spazzato via in un afoso pomeriggio di Russia, che non gli ha mai portato particolarmente bene. Kazan diventa un po’ la Stalingrado del pallone tedesco: l’armata di Joachim Löw, invincibile alla partenza, viene […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Torino, prove di “tregua olimpica” tra Appendino e la sua maggioranza

prev
Articolo Successivo

Bilanci e nebbie, grosso guaio al Milan

next