C’è la brava Roberta Carrieri. Canta Djelem djelem, l’inno del popolo rom. Voce struggente, addolorata. Orgogliosa. C’è il milanese Cinaski, al secolo Vincenzo Costantino, classe 1964. Ha scritto piccoli grandi capolavori: Chi è senza peccato non ha un cazzo da raccontare. Clandestinità: mr Pall incontra mr Mall, a quattro mani (e guantoni: come un incontro […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Da quando Baggio non gioca più…

prev
Articolo Successivo

Mica siamo degli Scamarcio qualsiasi, siamo zingari

next