Ricordo come se fosse ieri il giorno in cui mia sorella, Emanuela, scomparve. Era una giornata caldissima. I miei genitori non erano in casa, erano andati da mio zio. Come accadeva spesso, Emanuela mi chiese di accompagnarla al corso di musica che frequentava nella basilica di Sant’Apollinare (studiava pianoforte, flauto e canto corale) ma quel […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Popolari, verso un’altra archiviazione

prev
Articolo Successivo

Al Sultano piace vincere facile: “Meno burocrazia”

next