Nel primo pomeriggio Luca Lanzalone fa quello che gli chiedeva tutto il M5S, ossia si dimette dalla presidenza della municipalizzata Acea. Ma il cerino politico resta alla sindaca di Roma Virginia Raggi. Perché per l’ennesima volta perde per via giudiziaria un dirigente. E perché il suo gruppo consiliare è disorientato e in parte impaurito. Tanto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

fatto a mano di nat

prev
Articolo Successivo

2018 odissea dei migranti: mare mosso e porti chiusi

next