Grandiosi, propagandistici, divertenti e terribilmente costosi: i Mondiali di Russia sono il giocattolo di Vladimir Putin. Il senso di portare fino alla sperduta Ekaterinburg, nel cuore della Transiberiana, la Coppa del mondo di calcio che forse non a caso la madre Russia non aveva mai ospitato, non sta nei magnifici impianti in cui si giocheranno […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Helena Janeczek e altri quattro per vincere lo Strega

prev
Articolo Successivo

Lo strano tifo italiano se mancano gli azzurri

next