La proposta lanciata ieri da Beppe Grillo di riconvertire l’Ilva di Taranto in un parco tecnologico si è tradotta immediatamente per i 13.800 lavoratori della più grande acciaieria di Europa in un assaggio delle montagne russe. Alle 3 del pomeriggio il ministro dello Sviluppo economico Luigi Di Maio è intervenuto nella discussione sulle ipotesi di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Torino, caso Ream: le intercettazioni di Appendino e assessori. “I revisori dei conti vogliono farci morire”

prev
Articolo Successivo

Droga, su Fq MillenniuM in edicola l’incubo di quelle nuove. Legali e non

next