La più delicata delle partite di nomine è già cominciata: quella che riguarda l’intelligence. Il dilemma per il governo Conte si pone presto, il 16 giugno: quel giorno scade il mandato di Mario Parente, il direttore dell’Aisi, il servizio segreto interno. Prima opzione: il governo lo sostituisce e si prende la prima poltrona della sicurezza. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

L’allarme fascismo scompare per 48 ore. In trincea solo il pugnace partigiano Delrio

prev
Articolo Successivo

Palazzo Chigi, la Boschi “salva” i fedelissimi

next