“Vuoi arrivare fino alla fine?”. Sono le 7:30 di ieri mattina quando una candidata della lista Progressisti (nella coalizione del sindaco Enzo Bianco) si sente fare questa domanda davanti al proprio ufficio, centro di Catania. Rimane interdetta, non capisce a cosa si riferisce il ragazzo, 20 anni circa, esile, con indosso una maglietta a righe […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Da Berlusconi al Cremlino: “Sto con Putin, voglio la Rai”

prev
Articolo Successivo

San Luca, per la terza volta di fila nessuno si è candidato a sindaco

next