Non solo hamburger e patatine. Al drive in si possono acquistare anche i farmaci. Che sia una buona o cattiva notizia forse è troppo presto per dirlo. Anche se il messaggio che un servizio del genere rischia di portare con sé è che pillole e sciroppi diventino facili da ordinare e consumare come un cheeseburger […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Stesso prezzo, meno prodotto. Così s’ingannano i consumatori

prev
Articolo Successivo

Eurobond sintetici, il tentativo di ingegneria finanziaria abortito

next