Ora non basta più gridare “a casa loro” e twittare indignato contro i migranti. Ora c’è da “studiare i dossier” come ha detto ieri Matteo Salvini. Il neoministro ha giurato, ha battibeccato con Graziano Delrio rigettando l’epiteto di “neofascista”, è stato acclamato, ha messo il sigillo al primo Consiglio dei ministri con la proroga dello […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Parte il valzer dei capi di gabinetto: Garofoli (ri)punta a Palazzo Chigi

prev
Articolo Successivo

Moavero, il diplomatico suggerito dal Colle

next