Caro Enrico, stavolta parlo di biciclette. Quelle dei campioni. E quelle dei sogni di un popolo che la usa per andare al lavoro (dicono più di 10 milioni di italiani, come ai tempi di Ladri di biciclette, che raccontava un’Italia degli esclusi, dei poveri, degli affamati). Dunque, il Giro d’Italia inventato a Milano nel 1909 […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Meglio del calcio in tv c’è la D’Urso

prev
Articolo Successivo

Adesso servono gli scarponi per ricostruire una sinistra

next