Alle quattro e mezzo di un pomeriggio caldo e blindato per prevenire attentati e impedire proteste, mentre è già in scena l’ultima tappa del Giro 2018 partito il 4 maggio da Gerusalemme, i corridori minacciano di fermarsi. Di sabotare la festa della corsa rosa. Di rovinare lo spettacolo in Mondovisione. Dicono che il tracciato è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Salvini ride, Di Maio no. Il fronte dei due leader

prev
Articolo Successivo

“Il Colle si isola, ignorato chi chiede solo un governo”

next