All’ennesimo insulto, lo spagnolo Ruben Plaza scende dalla bici, si fionda verso le transenne che separano la folla dai 151 corridori superstiti del Giro. Punta il gruppetto che sventola bandiere palestinesi e NoTav. Un attivista di Bussoleno gli grida: “Palestina libera! Palestina libera! A Gaza l’esercito israeliano uccide i civili palestinesi!”. Sono le 10 e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Golpe e spari sui migranti: Tripoli affonda

prev
Articolo Successivo

“Per il peso mi trattano da buono, ma se voglio so pure essere stronzo”

next