Da tempo si rileva un andamento fortemente diseguale nella ripartizione dei benefici della crescita economica, tra lavoro e capitale. Negli Stati Uniti, dalla metà degli anni ‘70, la crescita della produttività non ha determinato corrispondenti aumenti delle retribuzioni reali, che sono invece stagnanti, crescendo di solo il 3% al netto dell’inflazione mentre la quota di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Farmaci oncologici, l’Ue abbassa i prezzi

prev
Articolo Successivo

L’ultimo sigillo al Foro è aiutato dalla pioggia

next