La Lituania, nodo baltico dell’Unione Europea, celebra a Roma in questi giorni il centenario della sua prima e faticata indipendenza repubblicana con l’arte, la musica, il teatro, i video, la fotografia, la danza. Lo fa con un festival raffinato e creativo, meriterebbe restasse più a lungo. Si chiama Flux, dal manifesto Fluxus (1963) di George […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La “repressione” dopo Moro e la “prevenzione” tedesca

prev
Articolo Successivo

Foto dei figli su Facebook. Se si postano sul social le vedono miliardi di utenti

next