Adesso che è finita la tragicommedia del governo, che di per sé sola dice di che pasta sia fatta in realtà la democrazia (trucchi, imbrogli, agguati, imboscate, menzogne, ricatti), col nano malefico che per il momento si è fatto da parte (apparentemente perché dai nani c’è sempre da attendersi il peggio per la fisiologica ragione, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Il ’68, rivoluzione infangata. Per gli psicanalisti fu un colpo”

prev
Articolo Successivo

Venantino Venantini: “Mastroianni massacrato dalle donne. Io mandai a quel paese anche Fellini”

next