Il populista buono, Luigi Di Maio, sempre azzimato e dalla postura rigida. Il populista cattivo, Matteo Salvini, con la barba e l’ultimo bottone della camicia aperto, nonostante la cravatta. In oltre due mesi, al Quirinale, il capo dello Stato nel suo esercizio maieutico ha avuto un occhio di riguardo per il leader politico dei Cinquestelle. Come […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La cattiveria1105

prev
Articolo Successivo

“Il collante dei giallo-verdi è il populismo”

next