Il rapimento di Aldo Moro ha avuto due dimensioni: la prima relativa alla gestione del prigioniero che seguì le procedure di un normale sequestro di persona; la seconda, di carattere spionistico-informativo, funzionale a raccogliere il maggior numero possibile di dati sensibili sulla sicurezza interna dell’Italia e quella atlantica, oltre, ovviamente, a notizie sulle stragi e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Boom degli stage in azienda, ma solo uno su quattro avrà un posto fisso

prev
Articolo Successivo

Autobus vecchi e debiti. A Roma l’Atac va in fumo

next