Cosa resterà di noi? Ce lo chiediamo ogni volta che scompare un personaggio pubblico, quasi ogni giorno visto che sta scomparendo la prima generazione multimediatica (per questo abbiamo l’impressione che “si muoia di più”), e ogni volta ci ripetiamo che la memoria di chi va resterà nella memoria di chi resta. Nel caso di Paolo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Come James Bond: nella berlina c’è la moto

prev
Articolo Successivo

testatina

next