La terza tappa ed ultima tappa d’Israele si svolge in terra di Abramo, i “girini” sono diretti alle gole di Salomone, più o meno, perché sono a qualche chilometro dal traguardo di Eilat, la piccola Miami del Mar Rosso, rovinata dal pacchiano gusto architettonico dei ricchi emigrati russi, che qui la fanno da padroni. Così […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Nella terra di nessuno né araba né israeliana

prev
Articolo Successivo

Anche per le zitelle prima o poi l’amore arriva. Basta non parlare solo di gatti

next