“È la vittoria più importante o la più simbolica della tua carriera?”. Tom Dumoulin non ci pensa un istante. Sorride furbo: “Non è la più importante. Ma è molto bella”. Che abbia battuto l’australiano Dennis Rohan di appena 2 secondi, non conta granché, peraltro il belga Victor Campenaerts ha ottenuto lo stesso tempo di Dennis. È […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Fanno una figuraccia, però a testa alta”

prev
Articolo Successivo

Civitanova-Perugia, è ancora la finale più bella al mondo

next