“Preferisco la parola Giusto piuttosto che quella di eroe”, affermerà uno schivo ma schietto Gino Bartali domani sera al Museo della Scienza di Gerusalemme, dopo che lo Yad Vashem, il museo dell’Olocausto, nel corso di una solenne cerimonia, gli avrà conferito la cittadinanza israeliana alla memoria per aver salvato 800 ebrei, fornendogli documenti falsi che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Lo show di Netanyahu: “L’Iran lavora all’atomica”

prev
Articolo Successivo

L’idolo Salah nella rete del marketing di regime

next