Le carceri sono sempre più luoghi dove tra gli stranieri possono attecchire derive terroristiche. I detenuti sotto osservazione per il rischio di radicalizzazione sono infatti aumentati in un anno del 39%, passando dai 365 di fine 2016 ai 506 del 2017. Detenuti di fede islamica che anziché essere inseriti in un efficace percorso di recupero […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Niente Gay Pride”. La politica omofoba (non solo a Novara)

prev
Articolo Successivo

Il sindaco della Porsche in corsa per la Calabria

next