Penitenziari

“Oltre 500 detenuti diventati jihadisti in carcere”

Allarme dell’associazione Antigone: mancano mediatori culturali per i musulmani

20 Aprile 2018

Le carceri sono sempre più luoghi dove tra gli stranieri possono attecchire derive terroristiche. I detenuti sotto osservazione per il rischio di radicalizzazione sono infatti aumentati in un anno del 39%, passando dai 365 di fine 2016 ai 506 del 2017. Detenuti di fede islamica che anziché essere inseriti in un efficace percorso di recupero […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.