Maksim Borodin, giornalista di Novy Den, l’11 aprile è nel suo appartamento al quinto piano di Ekaterinburg, nella regione russa degli Urali; alle 5, poco prima dell’alba si affaccia e nota uomini col volto coperto: sembrano reparti speciali. Un suo amico, Vyacheslav Bashkov racconta che riceve una telefonata intorno a quell’ora, durante la quale il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il sottomarino Usa della discordia De Magistris: “Nucleare no grazie”

prev
Articolo Successivo

Un paese in rivolta contro le élite

next