La nomina di Mario Nava a neopresidente della Consob è già sotto giudizio. Ieri mattina ha fatto il suo esordio alla guida dell’Authority a Milano lasciando di stucco i commissari, che hanno così deciso di rivolgersi agli uffici giuridici per dirimere una vicenda oramai surreale. “Dichiaro sul mio onore che non esistono incompatibilità”, ha spiegato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Palazzi storici, la Variante sui lavori spacca Firenze

prev
Articolo Successivo

Amianto all’Enichem sarda: tante vittime senza diritti

next