C’è una finestra che ha un telo di plastica al posto del vetro, ce n’è un’altra rattoppata con del nastro adesivo e c’è una porzione di muro che è saltato via. Questo non è un campo di guerra, ma l’anticamera della terapia intensiva di un ospedale: il Pellegrini di Napoli. Un luogo che dovrebbe isolare […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Dichiarazione precompilata: la bussola tra spese e risparmi

prev
Articolo Successivo

Pir, è caccia al cliente da spolpare tra trappole e commissioni gravose

next