Milano “Il dottor Calori mi propose, per correggere un disallineamento femororotuleo, di spaccare e staccare la cresta tibiale, spostarla sul perone fissandola con un chiodo. Costo visita 200 euro, del folle ed inutile intervento chirurgico 20mila euro. Costo dello spavento, incalcolabile”. È di racconti come quello postato su Facebook da Rosa S. che potrebbero ora […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

La Consulta: anche i militari potranno farsi i sindacati

prev
Articolo Successivo

“Ha operato anche me, il ginocchio mi cede”

next