Dal 1952, anni dell’indipendenza dalla Gran Bretagna in poi, le elezioni in Egitto sono state sempre fasulle. Le uniche forse davvero libero sono state quelle del novembre 2005, quando, ancora al governo Hosni Mubarak, i Fratelli Musulmani conquistarono 88 seggi. Quello sembra essere l’unico caso in cui il voto popolare è sfuggito allo stretto controllo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Presidenziali, il vero nemico di al-Sisi è l’elettore riluttante

prev
Articolo Successivo

Guerra di spie, la Nato nel giardino dell’orso russo

next