Domenica 25 marzo. Sono quasi le undici del mattino quando l’auto di Carles Puigdemont, con a bordo il suo avvocato Jaume Alonso Cuevillas, supera il confine tra la Danimarca e la Germania. La trappola sta per scattare. Ignaro, l’ex presidente catalano continua il suo lungo viaggio di ritorno diretto a Waterloo, in Belgio, dove si […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

A Napoli invece il grande fetore di monnezza è sempre in salute

prev
Articolo Successivo

Tre reati per i leader catalani processabili anche in Europa

next