Accusato di razzismo

In un post cita Marx: Facebook oscura candidato di PaP

27 Febbraio 2018

Affidare ad un algoritmo la propria policy in materia di censura può avere effetti collaterali imprevisti, anche per un colosso come Facebook. Può anche succedere che un esponente di un partito di sinistra sia tacciato di razzismo e per questo punito con la sospensione. Ieri il profilo social di Maurizio Acerbo, segretario di Rifondazione Comunista […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.