Processo Trattativa.”Non c’è mai stato dolo, da parte mia, nell’accusare Gianni De Gennaro”. Lo ha detto Massimo Ciancimino, che ieri ha fatto una dichiarazione spontanea in aula a Palermo. Poco prima l’avvocato Claudia La Barbera aveva chiesto per lui l’assoluzione sostenendo che “la calunnia presuppone consapevolezza, ma il mio assistito non sapeva di avere una […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese