Slitta l’incontro tra il governo, i sindacati e gli uomini dell’Embraco, l’azienda che ha minacciato di chiudere il proprio stabilimento nel torinese per trasferirsi in Slovacchia, licenziando circa 500 persone. Il confronto, inizialmente previsto per oggi, è stato rinviato a lunedì: “Dall’azienda devono venire e trasformare i licenziamenti in cassa integrazione, ma mi hanno detto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)