Succede che quando il tempo divora la vita, ti aggrappi alla memoria. Alle parole che hai sentito e messo da parte. È successo a Cecco Bellosi, un laghée purosangue del lago di Como. Bellosi (classe 1948, laurea in filosofia), ha vissuto tante vite. Una, la militanza in Potere Operaio, gli è costata l’arresto nel 1980 […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Voglia di provincia: tutti con l’Atalanta

prev
Articolo Successivo

L’Italia giusta e silenziosa di un macchinista delle Ferrovie

next