Ci sarebbe stata la strage di Firenze se Mori non fosse mai andato a trovare Vito Ciancimino?”. L’avvocato Danilo Ammannato, parte civile per l’associazione vittime dei Georgofili, porta nell’aula bunker di Palermo “quelle tessere di sangue” che compongono il puzzle della trattativa Stato-mafia, e lancia una domanda provocatoria alla quale lui stesso fornisce la risposta: […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Hare Krishna senza pace “Discriminati dai politici”

prev
Articolo Successivo

L’astensionismo non è qualunquismo

next